Modus Operandi

Il mio approccio teorico

Nel mio lavoro mi guida un modello teorico umanistico personalistico integrato con particolare focalizzazione sull'Analisi Transazionale (AT) e sull'Analisi Transazionale Socio-Cognitiva (ATSC) elaborata da Pio Scilligo.

 

Tale approccio prevede una peculiare metodologia clinica basata su:
 
- l'utilizzo di un metodo contrattuale all'interno della relazione terapeutica: terapeuta e paziente hanno pari responsabilità nel raggiungimento degli obiettivi, ed essi vengono sanciti in un contratto di lavoro, condiviso, chiaro, specifico e osservabile.

 

- il conferimento alla persona di una posizione centrale all'interno del processo terapeutico, che si pone come obiettivo principale il raggiungimento della sua autonomia.
 
- un approccio pragmatico: la persona diviene consapevole di vecchie decisioni non più funzionali nella propria vita e si adopera per trovarne di nuove e adattive.

 

 L'AT e l'ATSC sono modelli integrati con altre teorie e metodi:

  • area umanistica: le teorie umanistiche centrate sulla persona, in particolare nella formulazione di Carl Rogers;

  • area interpersonale: la teoria interpersonale di Lorna S. Benjamin;

  • area psicodinamica: le teorie che fanno riferimento al filone della psicoanalisi relazionale e le teorie dell'attaccamento;

  • area cognitiva: il cognitivismo classico (tecniche), evoluzionista e, in particolare, il filone che fa riferimento al concetto dei processi paralleli distribuiti (Parallel Distributed Processing, di McClelland e Rumelhart);

  • area esperienziale: la terapia della Gestalt;

  • area comportamentale: le teorie comportamentiste classiche (tecniche).

 

Questa caratteristica conferisce un aspetto ricco e dinamico alla mia proposta. Ognuno si può trovare a suo agio perché avrà una risposta appropriata e individualizzata secondo le proprie caratteristiche e secondo la problematica presentata.